martedì 27 novembre 2012

care lettrici cari lettori

A dicembre ci saranno due incontri sulla favola Pelle di Foca,una donna antica che emerge dalle acque per entrare in contatto con il mondo terreno. Esiste un linguaggio del giorno e uno della notte, solo che non siamo più in grado di fare la distinzione. E per questo la nostra parte più sapiente non ascolta più storie che la possono nutriree fare fiorire, poichè ormai parliamo ed ascoltiamo un solo tipo di linguaggio quello della vita abituale, dozzinale, scontata. Siamo state contaminate da una perdita di memoria grave, per la nostra salute e per la nostra felicità, talmente contaminate da non sapere più riconoscere i struggenti e fantastici insegnamenti che si celano dentro alle migliaia di favole sparse nel mondo. Anche la Romagna è ricca di favole simili per esempio alla Bella Addormentata come Principessa Splendore o Le Tre Principesse in cui le protagoniste, eroine dal carattere forte e per niente malleabile, si trovano costrette da una maledizione che in realtà è una benedizione cammuffata, ad una pausa forzata che permette loro di sviluppare fino in fondo la lro femmninilità, perchè solo se la fanciulla diventa donna la vita può continuare. Quindi nella nostra vita è fondamentale incontrare una o più pause forzate, il sonno della Bella Addormentata, l'essere trasformate in statue delle Tre Principesse, è un atto psicomagico, terapeutico, cioè una magia per fare un salto di crescita. Quindi se ora ci sentiamo chiuse in una situazione che ci appare senza via di uscita, in cui ci sentiamo come morte, imprigionate e immobilizzate, possiamo leggere queste favole una due cento volte per acquietarci, per riuscire a stare in uno stato di quiete, dove però ci curiamo con atti trasformativi. Per esempio cerchiamo favole, contiamo le lacrime che versiamo nella giornata e le chiamiamo laghetto salato del mio cuore, respiriamo con intenzione e attenzione, cercando di percepire informazioni diverse su noi stesse, ascoltandoci con più Attenzione visto che abbiamo accettato la pausa forzata. Iniziamo a vedere con occhi diversi la situazione in cui siamo infelici, iniziamo a darci una possibilità di crescita più consona ed onorevole all'Anima. Impariamo a fidarci anche di cose che non dipendono da noi ma da noi possono solo essere sollecitate. Mi sembra un bel rivoltone dai soliti modi che in realtà non vanno molto più in là della solita lamentela lamentosa che continua a non darci cambiamenti.

lunedì 26 novembre 2012

Imparare a discernere, a distinguere, imparare a cogliere le differenze

Nel libro "L'eredità più nascosta" a A.Jodorowsky viene domandato:"Per quale motivo gli occidentali stanno riscoprendo l'importanza degli antenati?" Lui risponde:" Abbiamo numerosi inconsci, l'inconscio individuale, familiare, sociale, storico. Gli Antenati sono dentro di noi e..." lui continua dicendo che il mondo attuale sta andando male alla deriva e che gli antenati sono come anticorpi che ci vogliono proteggere e guarire. Io penso che dobbiamo iniziare a discernere, a distinguere, uno dei compiti di Vassilissa nella favola della Baba Yaga, e uno dei compiti di Psiche, in Psiche ed Eros. E guarda caso un compito per una eroina femminile e io sono una donna. guarda un po', nulla succede per caso! Discernere, Distingure anche fra Antenati. Ci sono Antenati che versano ancora in modo potente nel nostr sangue, anche perchè più vicini, di cui ci dobbiamo vergognare, l'odore di morte e distruzione esala ancora dai loro cadaveri metaforici. Hanno violentato, conquistato, crocifisso, impiccato, maledetto sporcato contaminato per secoli le fonti, le acque sorgive, i templi di altre religioni, le donne e gli uomini di spiritualità diverse, ma non nemiche! Hanno distrutto Foreste, ucciso con ignominia animali, appiccati fuochi, accesi roghi, scelto menzogne al posto di verità. Bene questi antenati non possono guarirci, non possono proteggerci, ma anzi siamo noi che dobbiamo disintossicarci dalle loro maledizioni, dalle lor gesta, dalle loro parole pregne di sensi di colpa e di accuse, parole che ancora sentiamo sussurrare dentro di noi quando ci lasciamo andare troppo, quando vogliamo scegliere il piacere anzichè il dovere, quando abbiamo paura che gli dei ci puniscono se ci vedono essere troppo felici. Questi retaggi antenateschi vanno riconosciuti, perdonati e abbandonati. Dobbiamo informare i nostri geni attraverso la meditazione, il respiro, le intenzioni, che stiamo attuando un'operazione di grande pulizia del nostro DNA, e che vogliamo riappropriarci sì degli Antenati e delle Antenate, ma di quelli più antichi, molto più antichi, quelli collegati alle culture di 6000, 7000, 10000 anni fa, quelle culture di cui ci parla M: GJImbutas nei suoi libri di archeologia, le civiltà della Dea, che tanto assomigliano a quelle civiltà dei Nativi che i nostri antenati più recenti hanno falcidiato e oltreggiato in tutti i modi. Sì è vero Gli Antenati/e possono guarire noi e questo mondo malato, ma solo questo tipo di Antenato può compiere una cosa talmente prodigiosa: farci riappropriare di un DNA molto più antico e profondo che giace inascoltato e denigrato da anni e anni: il Famoso DNA JUNKLE ovvero il DNA spazzatura per un buon numero di scienziati, cioè inutile perchè incompreso

I MIEI ANTENATI

Dunque nel mio sangue europeo, mediterraneo, scorrono le scorrerie di quegli uomini e di quelle donne che non si lavavano, puzzavano, avevano denti con i buchi e neri, avevano malattie terribili e contagiose (se il corpo è il tempio dell'anima mi chiedo in quale stato sia stata la loro anima) e .......disprezzavano disonoravano le donne, il femminile. E le loro mogli, sorelle, madri la pensavano come loro altrimenti li avrebbero scacciati dai lor letti, dalle loro case, dalle loro chiese, e invece no supine e sottomesse accettavano nei loro nidi uomini così rozzi, sporchi, violentanti, accettavano di essere sottoposte a tali trattamenti pure loro e gli stessi figli. La società occidentale è stata per secoli e secoli una società profondamente violenta ed abusante ed IO ho nei miei geni il ricordo di tutto ciò. Come psicoterapeuta spesso parlo di energia femminile e di energia maschile che scorrono dentro di noi. Bene una parte di questa energia è prodotta da geni contaminati, da geni che producono signature (cioè espressioni geniche nel fenotipo) malate, malsane, oscure e pericolose per il mio reale benessere. Ecco perchè è così difficile amarsi ed amare!!!!!! Sì l'infanzia, ma è una catena infinita, la mia infanzia, quella dei miei genitori, quelli dei loro nonni, bisnonni, trisavoli......TUTTI e TUTTE veniamo dai geni di quelle persone uomini e donne che vivevano nell'incuria dell'igiene fisica e spirituale, e che invadevano con una violenza indicibile case e luoghi altrui portando malattie, sporicizia, senso del peccato, senso del demonio, della peggior specie. Uccidevano, bruciavano donne rubavano figli in nome di dio, creando un senso profondo di terrore nei cuori dei gentili, per cui opporsi equivaleva candidarsi a morte certa. Quindi che persona sono Io ? Quando si parla di Antenati nelle diverse terapie della reincarnazione o delle costellazioni ci si ricorda di questi Antenati? Quanto dolore e crudeltà sono impresse nelle nostra ossa, nei nostri fluidi. Perchè non se ne parla, forse è meglio relegare ancora queste Ombre sotto ad un metaforico tappeto? Ma sappiamo bene che le cose rifiutate e rimosse non se ne stanno buonine buonine nel loro angolino! Dopo un po' iniziano a premere per essere viste, integrate, guarite. Quanto dolore appesantisce la nostra Anima Genica se noi non ce ne prendiamo mai cura? Dice Jodorowsky che l'albero genealogico è totalmente folle e surrealista e la guarigione passa da qui. Sono d'accordo, ma bisogna che si dica anche che non è una guarigione facile, indolore, troppo sangue, incuria, violenza, disagio, ingiustizie, hanno riempito il nostro patrimonio genetico perchè la cura sia facile, veloce e indolore. Dentro di noi urlano in modo silenzioso tutte quelle donne violate, quegli uomini depredati, quei bambini abbandonati, umiliati, derisi, obbligati del corso dei secoli nei secoli. In qualche modo ci sentiamo colpevoli sicuramente colpe non nostre ma che si esprimono ancora nelle signature geniche?

I MIEI ANTENATI (prosegue)

sempre dal libro della Cameron"...venne insegnato loro che erano malate e che dovevano bendarsi e comportarsi come malate. Venne loro insegnato che le ondate di piacere e i desideri dei loro corpi erano peccaminosi e non bisognava mai provarne piacere o gioirne. Quando alle ragazze venne permesso di tornare ai loro villaggi, le loro menti erano così avvelenate, i loro spiriti così danneggiati, le loro anime così contaminate, che non erano più eleggibili come candidate per la Società delle Donne. Anche i ragazzi vennero portati via e a lro venne insegnato che le donne erano impure, peccatrici, che volevano distogliere l'uomo dalla vera via. Venne lor insegnato che le opinioni delle donne non contavano, che il lor cervello non doveva essere preso in considerazione, e che il loro unico scopo era quello di servire gli uomini. IN MENO DI UNA GENERAZIONE IL MONDO SI CAPOVOLSE, E LA RAGIONE E LA VERITà SI DISPERSERO QUASI SCOMPARVERO. (QUASI) Le sorelle più anziane morirono con le lacrime agli occhi perchè le giovani donne non erano più pronte ad imparare ad amare i propri corpi. Colei che non è in grado di amare Se stessa, non è in grado di amare nessuno, Colei che si vergogna del proprio corpo si vergogna di tutta la sua vita, Colei che considera impuro o sudicio il proprio corpo è persa, Colei che non è in grado di rispettare i doni ricevuti ancora prima della nascita non potrà mai rispettare nulla, in primis se stessa. i preti pensarono di avere distrutto il matriarcato. Videro ciò che avevano creato liti ed ubriachezza dove prima c'era amore e rispetto. Videro uomini picchiare le loro ogli e i loro bambini. Videro madri picchiare i propri figli e persino abbandonarli. Videro madri che avrebbero dovuto essere madri del clan divenire prostitute nelle città che loro con gli invasori avevano costruito. Non videro che alcune donne salvarono e protessero la saggezza del matriarcato anche a rischio della lorovita, incontrandosi in segreto, spesso nelle chiese dell'invasore. Facendo finta di credere a ciò che i preti insegnavano. Stando molto attente a ciò che dicevano, custodendo gelosamente ciò che sapevano. Molto fu perso. MOLTO NON SARA' MAI PIU' RECUPERATO. Abbiamo solo dei frammenti di quello che è stato il bellissimo mantello della danza della conoscenza. Ma pur strappato e frammentato com'è, è sempre meglio delle idee che l'invasore ha portato con sè. Poche donne anziane ormai e non più forti. Poche anziane donne che hanno mantenuto vivo ciò che gli invasori hanno cercato di distrggere. Nonne e zie. Madri e sorelle. Che devono essre ONORATE, CONSIDERATE PREZIOSE A DA PROTEGGERE A RISCHIO DELLA NOSTRA STESSA VITA. CHE DEVONO ESSERE RISPETTATE, RISPETTATE IN OGNI MOMENTO. DONNE CHE CONOSCONO CIO' CHE DOBBIAMO NUOVAMENTE IMPARARE. DONNE CHE CI TRASMETTERANNO LE LORO CONOSCENZE (se glielo permetteremo),DONNE CHE CI AMANO. IL MANTELLO DELLA DANZA NON E' RICOSTRUITO, IL CANTO NON E' COMPLETO, LA DANZA NON E' COMPLETA, LE PAROLE NON SONO TUTTE CONOSCIUTE. ORA C'E' BISOGNO CHE LA DONNA ANTICA STIA CON NOI " (prosegue) (Sono queste le Antenate che spingono nelle mie Memorie ancora più Antiche, ma farsi sentire devono spostare le memorie e le signature geniche dei miei antenati più recenti quelli che uccidono, violentano, disonorano)

I MIEI ANTENATI (prosegue)

continua dal libro della Cameron:"Questi uomini insistevano "Non dovete permettere alle streghe di vivere" ma i nativi non permettevano loro di uccidere le donne della società. I preti riuscirono però a portare via le ragazze. Invece di essrere educate e cresciute da donne che dicevano la verità sul loro corpo, le ragazze vennero prese dai villaggi e portate in scuole dove si insegnava loro a tenere costretti seni, a nascondere le braccia e le gambe (io mi vergogno di avere questi antenati, io dentro di me ho uomini che facevano azioni così ignobili e donne le loro mogli o madri o sorelle che trovavano normale che lo facessero!!!!IO MI VERGOGNO DI AVERE GENI CHE SI RICORDANO QUESTE COSE, E CHE INFLUNZANO IL MIO MASCHILE E IL MIO FEMMINILE INTERNO. IO MI VERGOGNO!!!!), a non fissare mai un fratello apertamente negli occhi ma a guardare invece in basso come vergognose di qualcosa. invece di imparare che una volta almese i loro corpi sarebbero diventati SACRI, venne loro insegnato che sarebbero diventati impuri, impuri. (Vi rendete conto?). Invece di andare alla Casa dell'Attesa a meditare, a pregaree a celebrare la pienezza della Luna e dei loro corpi, venne loro insegnato che erano malate e bendarsi e comportarsi come malate (sto piangendo disperatamente per tutto quello che avrei potuto avere e invece mi è stato tolto dai preti della chiesa cattolica che nel 1500, 1600, 1700 toglievano la voce a queste culture a queste donne, da tutti quegli uomini e quelle donne che in combutta con loro uccidevano e depredevano bambini donne culture diverse dalle loro. QUESTI SONO I MIEI ANTENATI ESSERI DAI LINEAMENTI DURI CHE PUZZAVANO, VIOLENTAVANO E DONNE LORO MOGLI CHE POI CI ANDAVANO A LETTO, CI FACEVANO E ALLEVAVANO FIGLIE E FIGLI COME SE NIENTE FOSSE!) prosegue....

I MIEI ANTENATI (italia, spagna, inghilterra, franciaecc.)

I MIEI ANTENATI SEMPRE TRATTO DAL LIBRO DELLA CAMERON QUELLO CHE IMIEI ANTENATI HANNO FATTO AI NATIVI DI AMERICA!!! dal libro capitolo La Società delle Donne: "e poi il mondo si capovolse. Strani uomini arrivarono in canoe con vele, che puzzavano terribilmente ed erano infestate da creature dai lineamenti duri come non se ne erano mai viste sull'isola. Sull'isola la gente viveva quasi come avrebbe voluto vivere.Quasi. E la SOCIETA' DELLE DONNE era forte. Era intertribale, aperta a tutte le donne, senza limiti di età, di ricchezza o altro....... L'educazione delle ragazze era compito dei membri della SOCIETA' DELLE DONNE.Insegnavano giochi e canti, con leggende, esempi, insegtnvano alle ragazze come prendersi cura del propio corpo, come gioire, COME RISPETTARE SE STESSE E LE PROPRIE FUNZIONI FISIOLOGICHE, spiegavano loro tutto ciò che avrebbero avuto bisogno di sapere a proposito della gravidanza, del parto e della cura dei bambini. E POI IL MONDO SI CAPOVOLSE. Strani uomini arrivarono in canoe con vele, essi puzzavano terribilmente, avevano i lineamenti duri.... questi uomini VOLEVANO cibo acqua donne. I loro denti erano neri e bucati, non si purificavano nè sudando, nè nuotando, parlavano con voce alta. E IL MONDO SI CAPOVOLSE. I Nativi si ammalarono e morirono in modi che non avevano mai conosciuto, I bambini tossivano finchè i loro polmoni non sanguinavano e morivano, i bambini soffocavano a causa di escrescenze che crescevano loro in gola, i bambini si coprivano di ulcere sanguinanti e morivano vomitando sangue nero ( e questi uomini venuti dal mio mondo guardavano indifferenti, ostili, spesso divertiti da tutto quel dolore e morte che la loro sola presenza portava, questo è una mia aggiunta). E poi arrivarono altri uomini, uomini che NON PARLAVANO CON LE DONNE, CHE NON DORMIVANO CON LE DONNE, CHE NON RIDEVANO MAI CON LE DONNE. UOMINI CHE DISAPPROVAVANO IL CANTO E LA DANZA, IL RISO E L'AMORE. (questi uomini che io porto nel mio sangue, nel mio DNA, nelle mia memoria antica, mio Dio!!!!!). Uomini che dicevano che la Società delle Donne re auna società di Streghe. (prosegue)

La Donna Antica 1

Tratto da un libro di Anne Cameron:" La Donna di Rame era stanca. sentiva che c'erano altre cose che voleva fare, cose che non poteva fare in forma umana. così parlò a Mowita alla siua primogenita che pianse ma sapeva che il Tempo era arrivato. chiamò sua figlia Hai Nai Yu il cui nome significa colei che conosce e le parlò e Hai Nai Yu ascoltò. andò con sua nonna alla casa dell'attesa (casa dove le donne vivono il loro periodo mestruale, sedettero sul muschio e mentre il sangue della ragazza fluiva alla terra, la Donna di Rame le dissse cose che non aveva mai detto a nessuno, Hai Nai Yu ascoltò e la saggezza fu salva......La Donna di Rame avvertì la nipote che il mondo sarebbe cambiato e sarebbero arrivati tempi in cui il Conoscere non avrebbe più corrisposto al Fare, ma che il Provare sarebbe stato sempre molto importante. poi lasciò la casa dell'attesa ...camminò fino alla spiaggia sedette sola ed aspettò finchè il sole non tramontò e la luna non fu alta nel cielo tingendo le onde di argento. allora si alzò, disse le parole, cantò i canti, danzò le danze e recitò le preghiere alle Dee e agli Dei. quindi lasciò la sua carne nel suo sacco di pelle, portò con sè le sue ossa e divenne uno spirito. trasformò le sue ossa in una scopa ed in un telaio. Con il telaio tesse la trama del Destino Con la scopa mantiene pulita la spiaggia e le menti di tutte le donne che a lei si rivolgono. Divenne parte della bruma nebbiosa e del vento notturno, divenne parte degli spruzzi e delle onde, divenne parte della spiaggia e delle tempeste, divenne parte della luce del sole e del cielo limpido. Divenne parte della notte e del giorno, divenna parte dell'inverno e dell'estate, divenne parte della primavera e dell'autunno, divenne parte di tutta la creazione. Con il suo telaio e con la sua scopa con il suo amore e la sua pazienza, tesse le trame del Destino e spazza le spiagge e le menti tesse i disegni della realtà e riassetta le coste e le anime. Non ti abbandonerà mai. Con Pelle di Foca entriamo nel mondo di una fantasia profonda e sfrenata che è la porta di accesso a Verità che sono celate da troppo tempo (prima parte)

lunedì 19 novembre 2012

TERZO APPUNTAMENTO SECONDO CHAKRA

IL NOVE DICEMBRE 2012 SECONDO CHAKRA CONOSCERE I BLOCCHI ENERGETICI, ENTRARE NELLA VIA DELL'ACQUA, SCIOGLIERE RANCORI, INDECISIONI, OSSESSIONI. OSARE PER IMPARARE A TRASFORMARE, DARSI UNA OPPORTUNITà DI SPERIMENTARE ASPETTI DI RELAZIONE PIù COMPATIBILI ALLA ENERGIA. SENZA UNA BUONA QUALITA' DI ESPERIENZE NON SI CAMBIA. PROVARE MOVIMENTI E PENSIERI ENERGETICI DI QUALITA' DIVERSA DAL SOLITO.

TERZA PARTE LA PAURA VIVE NEL CORPO

Nella MTC (medicina tradizionale cinese) e nel Qi GONG si intende il Qi come energia elettromagnetica che circola nel corpo, se nel suo scorrere incontra resistenza produce calore, quindi il calore che si può avvertire con la pratica del Qi Gong o nell'agopuntura non è il Qi ma la resistenza che quel punto oppone al suo fluire. Dice il Maestro Yang Jwing-Ming che il Qi o energia bioelettrica passa facilmente attraverso i muscoli e il tessuto connettivo, ma quando raggiunge la pelle incontra una minore conduttività e quindi una maggiore resistenza al flusso e ciò insieme all'azione del grasso ( che di solito si trova fra pelle e muscoli) ferma lo scorrere bioelettrico e lo trasforma in calore. Uno degli scopi del Qi Gong è di ridurre il calore e dissolvere i blocchi elettrici fra muscoli e pelle, aumentando così il flusso sulla superficie della pelle stessa e facendo in modo che essa insieme a capelli e unghie riceva elettricità sufficiente a mantenersi in salute. E' facile comprendere che esercizi fisici specifici come il Qi Gong, il Tai Chi, la Bioenergetica possano aiutare a sbloccare quindi le contrazioni muscolari croniche collegate ad antichi blocchi emotivi divenuti inconsci. L'energia non può scorrere in muscoli contratti perciò il nostro stato di salute a livello energetico vive una costante deprivazione e scarsità di cui non siamo neanche consapevoli! Questo significa con normalmente viviamo con molto più sforzo del necessario anche per le normali abitudini quotidiane. Divenire Consapevoli di tutto ciò ci offre la possibilità di migliorare la nostra qualità di vita investendo solo su di noi e sul nostro meraviglioso Corpo.

SECONDA PARTE LA PAURA VIVE NEL CORPO

E' basilare diventare consapevoli di queste contrazioni profonde e inconsce, poichè dove c'è contrazione non c'è sensazione e dove non c'è sensazione non c'è emozione. E se non riconosciamo le nostre emozioni non possiamo comprendere chi siamo, da dove veniamo, dove vogliamo andare. Il Corpo ci aiuta nel riconoscere aspetti psichici che altrimenti giacerebbero dimenticati nel fondo del nostro essere. Bisogna che ci decidiamo di affrontare la Paura che ci aliena da noi stesse, che ci vuole superficiali, disattente, bugiardi (nei nostri confronti), sempre tese verso il fuori, dimentiche di avere un potente ed ampio mondo interiore. Solo incontrando questo nostro mondo interiore possiamo imparare ad amare noi stesse, noi stessi. Se non ci conosciamo non ci possiamo amare, se non ci amiamo non possiamo fare fluire la nostra energia pulita, se non facciamo fluire la nostra energia pulita, non possiamo essere centrate, sereni, felici, gioiose, entusiaste, appassionati, colmi di voglia di vivere. Affrontare questo percorso di auto-consapevolezza è lfondamentale per comprendere la differenza fra vivere e sopravvivere. solo Vivendo capisci che prima ti limitavi a sopravvivere!!!!!! (seconda parte prosegue)

LA PAURA VIVE NEL NOSTRO CORPO

Siamo incrostati di paura, paura di esprimere le nostre emozioni primarie che sono rabbia, gioia, tristezza, odio, preoccupazione.Questa Paura ad esprimere noi stesse liberamente la apprendiamo nell'infanzia, dove carenze e aggressioni ci insegnano più a difenderci che ad esprimerci. In questa cultura si è pagato, fino ad ora, un caro prezzo ad essere piccoli. Questa società non è affatto vero che ama i bimbi, li teme perchè sfuggono al controllo, non sono soprammobili da tenere in bella mostra ma esseri tripudianti, vibranti di vitalità e così si inventa diagnosi vergognose, veramente vergognose di iperattività. Dice Marchino:il blocco emotivo fissatosi nel corpo è una realtà cristallizzata che impedisce di procedere e di retrocedere. tutto ciò che vive pulsa, così ogni volta che dissolviamo un blocco ritorniamo fluidi e quindi aumenta la nostra capacità di amare. Le difese che attuiamo da piccoli nei confronti di punizioni e di repressioni (giudizi negativi, paragoni, tono dell'adulto minaccioso, arrogante, insofferrente, sguardi glaciali o fulminanti, paragoni, botte, schiaffi, clisteri, imposizioni a non toccare, a non esplorare, a non urlare, a non piangere, derisioni, indifferenza al dolore o alla rabbia, ecc, ecc) si strutturano nel corpo sotto forma di tensioni muscolari croniche, che inibiscono il fluire dell'energia vitale, così impariamo ad evitare di sentire le emozioni che diventano sempre più rimosse, imprigionate in aree contratte realizzando così un evento psicofisico che Marchino chiama "schema psico-neuro-muscolare cristallizzato."Ma così ingabbiati è molto doloroso vivere!!!!

domenica 4 novembre 2012

Divinare e Sentire

La Runa collegata al Sentire, al Fluire è Laguz. Territorio l'Inconscio dove come in un Calderone tutto è in ebollizione Laguz corrisponde all'acqua e alla capacità di Divinare, cioè sentire con i sensi più sottili. Iniziare a riconoscer che bisogna affinare i nostri cinque sensi e poi entrare in contatto con i sensi più sottili che esistono ma sono stati trascurati da secoli nella nostra cultura, come se fossero un tabù, qualcosa di cui vergognarsi da nascondere. e invece non è così. Daniel J, Siegel un famoso medico psicoterapeuta neuroscienziayo direttore del Mindsight Institute dell'Università della California ha scritto un libro sul questo. Cioè sull'importanza del calarsi nel proprio mondo interiore e porre Attenzione ai nostri sensi più sottili e delicati. Libba Bray ha scritto un libro meravigioso su questo il cui titolo originale in inglese è "I Divinatori" tradotto non capisco perchè dall'editore con "La stella nera di New York" Parla di Divinazione all'epoca del jazz con adolescenti carismatici. Bellissimo e molto adatto per iniziare a riflettere sui nostri sensi sottili

Appuntamento da appuntare

Il seminario sul secondo chakra domenica 11 novembre 2012 al Grand Hotel di Forlì in via del Partigiano ore 9.00-13.00/ 13.30-18.30 Incontrare il Sentire, connesso alle emozioni, al fluire dell'energia, all'accettare il Piacere come aspetto imprescindibile della propria esistenza. Non Negatevi questa Opportunità di ampliamento della propria Consapevolezza. Si lavora con il Movimento Trasformativo che diventa un mezzo conoscitivo dell'aspetto espressivo di ciò che risiede nelle profondità del nostro essere. Parole di Potere per il secondo sono: lasciarsi andare, scorrere, muoversi, percepire, cedere, uscire dall'Immaginiazioni Negative create dai pensieri ossessivi per fluire nelle Immaginazioni Positive, che permettono di iniziare a conoacer la Gioia, il Piacere, l'Energia Vitale, la Fiducia in se stessi e negli altri.

Il Sentire del secondo Chakra proseguimento

Dice Anodea Judith:"Il secondo chakra, centro delle sensazioni e del sentire, delle emozioni e del piacere, dell'intimità, dei legami, del movimento viene invece girato e ritorto, schiacciato e sbrindellato, tagliando così la capacità percettiva della mente dalla radice sensibile del corpo..... Recuperare il secondo chakra per reclamare il nostro diritto a sentire, che spessimo ci viene carpito, inibito, giudicato, criticato, distorto nell'infanzia. ROMPERE VECCHI SCHEMI ABBANDONARE ENERGIE STANTIE, ENTRARE NELLA DIMENSIONE DEI CHAKRA PER AVERE LE TECNICHE E LE CONOSCENZE CHE SOSTENGONO LA NOSTRA CRESCITA. I principali aspettirelazionali per cui si crea un disequilibrio nel secondo chakra sono: Rapporti genitoriali basati sull freddezza e il distacco Mancanza di carezze e di contatto fisico Repressioni delle espressioni spontanei dei bambini piccoli Negazione degli stati emotivi dei bambini Restrizione corporre (per esempio tenerli per ore nel box) e di movimento Padri o madri alcolizzati o tossicodipendenti o con disturbi alimentari, poichè sono tutti disturbi che anestetizzano la capacità di Sentire gli stati d'animo della bambina/o, di prendersi cura dei suoi bisogni Padri o madri che hanno subito incesti o abusi fisici, emotivi, sessuali che sono tuttora negati, messi nel dimenticatoio come un qualcosa che non c'entra con la loro vita attuale. Bene tutti questi aspetti indicano che se siamo cresciuti con queste modalità o che se le stiamo mettendo in atto con un nostro figlio abbiamo un disequilibrio profondo sull'asse del Sentire, quindi abbiamo sentimenti congelati nel nostro essere che abbisognano di essere liberati e ed espressi. Il Sentire si blocca sempre su due fronti quello emotivo e quello fisico, per cui le emozioni bloccate, punite, represse si addensano sui muscoli, sugli organi, del Corpo e vanno creare contratture, tensioni, dolori che se non compresi cronicizzano nel fisico e nella psiche rendendoci la vita dolorosa, difficoltosa, o comunque con aspetti importanti che non riusciamo a risolvere.

Prima Domenica di Novembre

La prossima domenica ci sarà il seminario sul Secondo Chakra, Novembre è denso di energia Yin, legata all'acqua e alla luna, due aspetti fondanti del secondo chakra. Cosa sono i chakra? sono vortici di energia collocati sull'asse verticale della colonna vertebrale, partono dal perineo, il pavimento pelvico fra l'ano e i genitali che corrisponde al Primo poi nel basso ventre sotto l'ombelico il Secondo, sotto al diaframma il Terzo, in mezzo al petto il Quarto, nella gola il Quinto, nelle fronte fra le sopracciglia il Sesto, in cima alla testa il Settimo. Sono collegati ognuno di questi a delle ghiandole qindi sono connessi alla quantità e alla qualità di ormoni secreti dal nostro organismo. Sono influenzati dalle enrgie provenienti dai corpi sottili e quindi regolano in tanti modi il nostro organismo e ognuno di loro è connesso a suoni, parole, colori, pietre, oli essenziali, per cui anche se non sono materiali sono influenzati da aspetti concreti dalle nostre emozioni e relazioni dalle nostre azioni. i Chakra sono connessi all'Energia e al suo fluire dentro e fuori di noi, per questo conoscerli, apprezzarli e armonizzarli rende la nostra Vita più sana, gentile, coraggiosa, armonica, intraprendente. IL SECONDO CHAKRA SWADHISTHANA è il vortice del Sentire. Purtroppo nella nostra misera cultura, così ristretta, arida, triste, repressa, violenta, il Sentire è considerata una funzione inferiore, associato ad uno stato femminile che viene sempre un po' denigrato o deriso. Il Sentire è strettamente connesso al Movimento e al piacere spontaneo che provoca. Nella nostra cultura il femminile e i bambini non sono mai attentamente ascoltati e rispettati, come se la spontaneità, la libertà di giocare, di sporcarsi, di muoversi liberamente fosse un qualcosa che non viene più compreso. Potrei fare tantissimi esempitutti veri: in spiaggia due giorni fa a Cervia una famiglia in spiaggia, madre padre due figli di circa sette nove anni, un maschio ed una femmina, erano sulla duna di sabbia che corre parallela al mare, i bambini volevano spontaneamente scendere sulla sabbia per giocare, per assoporare il piacere di una discesa morbida senza alcun pericolo, s enon quello di insabbiarsi un po le scarpe e i piedi.Il padre con tono aggressivo ( di cui forse non si rende neanche conto) dice"Non scendete da lì non fatelo altrimenti mi arrabbio molto" La madre tace facendo finta di niente. Questa è repressione immotivata di gesti spontanei dei bambini. E' abuso emotivo, oichè senza motivo viene represso un desiderio di gioco, di espressione corporea, senza una reale motivazione. Solo perchè l'adulto nevrotico non sopporta che : i fifgli si muovano? che si insabbino le scarpe o i piedi? che si divertano? che escano dal binario che secondo il padre è l'unico che si deve percorrere? altro esempio asilo una bimba sta male vomita e la madre le dice che schifosa che sei non devi fare queste cose schifose, lo sai che io non le sopporto. Un'espressione non solo naturale ma non controllabile come il vomito è stata giudicata, rifiutata, denigrata. Altro che essere accolta accudita curata questa povera bimba è stata oltraggiata nei suoi sentimenti, invece che protetta ed aiutata ad affrontare il malessere fisico è stata sgridata e rifiutata.